Menu

Get Socialize

Focus Fest – Dal Don Chisciotte maledetto al meglio di Cannes 71

Description

Ribelli, instabili, ricattatori. Tratti dalla realtà o dalla letteratura. Sul tema della guerra, della paura della morte o della famiglia. Con sfumature classiche o con nuove idee. I film di Cannes 2018 segnano un percorso bene preciso di questo festival. Il regista Terry Gillian, protagonista di una lunga serie di vicissitudini legate alla realizzazione e all'uscita del nuovo film, vince su tutta la linea. Alla Croisette sbarca con “The Man who killed Don Quixote”, che chiude il Festival. Il Don Chisciotte maledetto, per produzione e disputa legale, ci mostra una storia sempre attuale. Con un po’ di realismo magico, fantasy e personaggi sopra le righe. Da un lato una poesia cinematografiche che ha colto alla sprovvista, inattesa e ben accolta. Dall’altro un film di sottrazione, sugli uomini e il loro essere pazienti, istintivi e non sempre dei burattini. “Lazzaro Felice” di Alice Rohrwacher e “Dogman” riportando dignità filmica all’Italia a livello internazionale e in un festival in cui Il belpaese ha saputo distinguersi per buone intuizioni, ottima interpretazione è interessantissima scrittura. E dopo polemiche, dissapori e nuove regole si chiude un’edizione del Festival di Cannes abbastanza difficile per la stampa. Un’edizione un po’ sottotono ma che ha tentato di mantenere il glamour e i colori tradizionali con l’ambita e non per tutti Montée de Marches. I volti, i grandi talenti de cinema e dello spettacolo, chi questo festival l’ha vissuto da attaccante o da semplice spettatore.

A cura di Margherita Bordino Stefano Bianchini Andrea Protto Giulio Riservato