Menu

Get Socialize

Focus Fest – Di tradizioni e nuove regole, di esordienti e al femmile: Cannes 2018

Description

Si accendono i riflettori sul Festival di Cannes. Tra vecchie tradizioni e nuove regole è tutto pronto per la Montée des Marches per un festival che punta molto su esordienti e donne. Un Festival che punta la selezione ufficiale su opere prime, film al femminile e grandi nomi del sol levante, film che concorrono tutti alla Palma d’Oro. Molto atteso è il ritorno sulla Croiesette dell’italiano Matteo Garrone con Dogman, un film nudo e crudo ma anche vulnerabile, ispirato liberamente a un delitto efferato passato alla storia per la cattiveria esasperata del suo “protagonista”. Tra i giovani presenti in Concorso c’è David Robert Mitchell con Under the Silver Lake, un film che racconta di un incontro fatale, forse, tra un uomo appena trentenne e una donna misteriosa. La città degli Angeli farà da sfondo all’enigma che si nasconde dietro questi due personaggi. E tra i più attesi c’è The Man Who Killed Don Quixote di Terry Gilliam è il motivo è molto semplice: è noto come uno dei più estremi esempi di development hell della storia del cinema, con ben otto tentativi di realizzazione da parte del regista nell'arco di quasi vent'anni. Non mancano gli eventi in questa edizione e sono rappresentati da due grandi brand cinematografici: “2001: Odissea nello spazio” in occasione dei 50 anni del film, e “Solo: A Star Wars Story”, spin off sull’omonimo e famoso personaggio. Cinque donne e quattro uomini. La Giuria Ufficiale di Cannes 2018 si presenta e dà subito parola al Presidente, l’attrice Premio Oscar Cate Blanchett qui pochi fa in Concorso con il film “Carol” di Todd Haynes. E sulla Montée des Marches arrivano Asghar Farhadi con Penelope Cruz e Javier Bardem per l’apertura con “Todos lo Saben”. Un film familiare che ci porta da Buenos Aires e Madrid.

A cura di Margherita Bordino Stefano Bianchini Marco Cappellesso Francesco Fadda Andrea Protto Giulio Riservato