Menu

Get Socialize

La voce unica di Gurrumul per scoprire l’Australia degli aborigeni

Description

"Gurrumul", presentato nella sezione Special alla 68esima Berlinale non è’ solo un film-diario sulla voce unica e indimenticabile del genio di Geoffrey Gurrumul Yunupingu, che per molti è stato “il cantante aborigeno cieco”, ma è anche un viaggio attraverso “il paese all’interno del paese”, espressione utilizzata dal regista Paul Williams per parlare dell’Australia e del mondo spesso nascosto, e a volte sconosciuto, degli aborigeni. Paul Williams ha realizzato questo documentario grazie anche all’aiuto di Michael Hohnen, il produttore musicale di Gurrumul, che il cantante e musicista definiva il suo "wäwa", suo fratello. Secondo Hohnen, la musica e la voce di Gurrumul erano così intense e ricche di significato perché come tutti i musicisti aborigeni lui cantava le sue origini, le sue emozioni, la sua grande famiglia e la sua appartenenza a quella cultura e quelle tradizioni.

Giornalista Chiara Nicoletti Operatore di ripresa Marco Cappellesso Post produzione Giulio Riservato

REDAZIONE

Max De Carolis - Direzione Editoriale
Margherita Bordino - Giornalista
Riccardo Farina - Giornalista
Valeria Santori - Coordinamento
Andrea Protto - Operatore di Ripresa
Marco Cappellesso - Operatore di Ripresa
Giulio Riservato - Editing


Cinecittà Luce Magazine è una piattaforma video editoriale. Un progetto di Luce Cinecittà e Cinecittà News a cura di Erma Pictures. Interviste, rubriche e curiosità dal mondo cinematografico italiano e internazionale. Piattaforma streaming e internet marketing: Erma Pictures - Internet Marketing Specialists

8½ Video magazine

visual_prof
visual_focus
visual_coverstory
visual_versus
8mezzo_action